Home Associazione Links Contatti
     
Editoriale Dottrina Giurisprudenza Convegni Segnalazioni
Segnala questo articolo Versione Stampabile Scaricare File

Bonifica dei siti contaminati e responsabilitÓ del proprietario incolpevole

TAR Napoli, n. 1315/2010

L’art. 192 del D.Lgs n. 152/06 dispone che chiunque viola il divieto di abbandono e deposito incontrollato “è tenuto a procedere alla rimozione, all’avvio a recupero o allo smaltimento dei rifiuti ed al ripristino dello stato dei luoghi in solido con il proprietario e con i titolari di diritti reali o personali di godimento sull’area, ai quali tale violazione sia imputabile a titolo di dolo o di colpa, in base agli accertamenti effettuati, in contraddittorio con i soggetti interessati, dai soggetti preposti al controllo”. In particolare dalla norma in esame risulta che la responsabilità del proprietario o del titolare di diritti reali o personali di godimento presuppone l’addebitabilità ad essi, a titolo di dolo o di colpa, della violazione posta in essere dal responsabile (ex multis Cfr: T.A.R. Campania, Sez. V, 24 dicembre 2009, n. 9552).

(Nella specie, il Collegio ha sottolineato che nel provvedimento annullato non erano nemmeno dedotti, in concreto, profili di responsabilità a titolo di dolo o di colpa, in capo alla parte ricorrente (alla quale, peraltro, veniva ordinato provvedere alla messa in sicurezza dell’area indicata senza neppure far cenno ad un eventuale titolo dominicale), necessari per l’imposizione dell’obbligo di rimozione dei rifiuti e, più in generale di messa in sicurezza d’emergenza, fermo restando che, a tal fine, non è sufficiente una generica “culpa in vigilando”).



Segnala questo articolo Versione Stampabile Scaricare File

Associazione Giuristi Ambientali
tel. 06/87133093 - 06/87133080
Informativa privacy
powered By Diadema Sinergie