Home Associazione Links Contatti
     
Editoriale Dottrina Giurisprudenza Convegni Segnalazioni
Segnala questo articolo Versione Stampabile Scaricare File

I modelli di organizzazione e gestione, ex DLgs n. 231/2001, nella prevenzione dei reati ambientali (parte seconda)

Valentina Veneroso

Come anticipato nella prima parte di questo articolo, l'art. 2 del D.Lgs n. 121/11 interviene nella disciplina del D.Lgs n. 231/01 inserendo un nuovo elenco di reati presupposto all'art. 25 undecies, aventi ad oggetto la materia ambientale ed in particolare la acque (scarichi idrici e di acque reflue), i rifiuti, le bonifiche, le emissini in atmosfera, nonchè reati relativi all'inquinamento provocato dalla navi.
Il legislatore si limita ad indicare il novo catalogo dei reati presupposto e a stabilire le relative sanzioni per l'Ente, mentre nulla dispone circa i contenuti minimi dei modelli organizzativi per essere ritenuti idonei a prevenire i reati ivi considerati, non considerando nemmeno l'ipotesi di affidare ad una regolamentazione di fonte subordinata (ad es. ministeriale) la lelaborazione di linee guida dedicate.


Segnala questo articolo Versione Stampabile Scaricare File

Associazione Giuristi Ambientali
tel. 06/87133093 - 06/87133080
Informativa privacy
powered By Diadema Sinergie