Home Associazione Links Contatti
     
Editoriale Dottrina Giurisprudenza Convegni Segnalazioni
Segnala questo articolo Versione Stampabile Scaricare File

Immissione occasionale: è sempre reato

Cassazione penale

Il superamento dei limiti tabellari integra sempre e in ogni caso – non essendovi alcuna disposizione di legge in contrario – il reato di cui all’art. 137, comma 5, del TUA, quale che sia l’operazione che viene svolta attraverso il sistema di depurazione. L’art. 137, comma 5, del TUA punisce, infatti, senza prevedere eccezioni, chiunque, in relazione alle sostanze indicate nella tabella 5 dell’allegato 5 alla parte terza […] nell’effettuazione di uno scarico di acque reflue industriali, superi i valori limite fissati nella tabella 3 o, nel caso di scarico sul suolo, nella tabella 4 dell’allegato 5 alla parte terza del presente decreto, oppure i limiti più restrittivi fissati dalle regioni o dalle province autonome o dall’autorità competente. In altri termini, il sistema di depurazione deve essere considerato nel suo complesso, non potendosi scorporare dal suo normale funzionamento operazioni quali il lavaggio dei filtri o alte attività che provochino un pur momentaneo superamento dei limiti tabellari.

(Nella fattispecie, il Collegio ha respinto il ricorso di una società che riteneva che ci fosse stata una violazione della norma incriminatrice, avendo la Corte d’appello erroneamente ritenuto che un’immisione occasionale possa costituire reato)


Segnala questo articolo Versione Stampabile Scaricare File

Associazione Giuristi Ambientali
tel. 06/87133093 - 06/87133080
Informativa privacy
powered By Diadema Sinergie