Home Associazione Links Contatti
     
Editoriale Dottrina Giurisprudenza Convegni Segnalazioni
Segnala questo articolo Versione Stampabile Scaricare File

Bonifiche-esclusione dal perimetro SIN-irrilevanza-proprietario incolpevole-prescrizioni della CdS decisoria-mancata convocazione-annullamento

TAR Veneto, Sez. III, sent. n. 276/2014
TAR Veneto, Sez. III, sentenza 4 marzo 2014, n. 276

Nei procedimenti in materia di bonifica, anche dei siti di interesse nazionale, è necessario che i destinatari delle prescrizioni stabilite dall'Amministrazione siano messi nelle condizioni di partecipare al relativo procedimento, quantomeno con riferimento alle fasi procedimentali che hanno ad oggetto l'accertamento dei presupposti per l'emanazione di ordini e prescrizioni che riguardano lo specifico sito, mediante un completo contraddittorio procedimentale (cfr. Tar Toscana, Sez. II, 6 luglio 2010, n. 2316; id. 6 maggio 2009, n. 762; Tar Lombardia, Milano, Sez. I, 19 aprile 2007, n. 1913; Tar Friuli Venezia Giulia, 27 luglio 2001, n. 488). Non avendo l'Amministrazione peraltro dedotto in giudizio alcun elemento da cui poter desumere l'inutilità dell'eventuale apporto procedimentale dell'interessato, la mancata acquisizione di tale apporto comporta l'illegittimità dell’atto impugnato.

La sopravvenuta esclusione di un’area dal perimetro di un sito di interesse nazionale non fa venir meno i presupposti normativi per l’effettuazione della bonifica, essendo l’obbligo di bonifica determinato solo dal superamento o meno di determinate soglie di sostanze contaminanti, ed avendo l’inclusione di un’area nella perimetrazione l’unico effetto di radicare la competenza in materia in capo al MATTM.

(Nel caso di specie, il proprietario di un’area – originariamente inclusa nel perimetro del SIN di Porto Marghera e successivamente esclusa dallo stesso – aveva impugnato un decreto del MATTM con cui erano state approvate e rese esecutive nei suoi confronti, benché incolpevole dell’inquinamento, alcune delle prescrizioni previste dal verbale della Conferenza dei Servizi decisoria. Il ricorso è stato ritenuto fondato poiché il procedimento di bonifica era stato avviato e svolto nei soli confronti delle imprese conduttrici dell’area, senza l'acquisizione dell’apporto procedimentale del ricorrente-proprietario, venuto a conoscenza dell'esistenza del procedimento solo a seguito della notifica delle prescrizioni esecutive. In sede di discussione, il ricorrente aveva inoltre dedotto l’eccezione di cessazione della materia del contendere, in quanto l’area - a seguito della ri-perimetrazione del SIN - avvenuta ex art. 36 bis c. 3 Legge n. 134/2012 e della Delibera della Regione Veneto n. 58/2013 - era stata successivamente esclusa dai confini del citato sito di interesse nazionale).



Segnala questo articolo Versione Stampabile Scaricare File

Associazione Giuristi Ambientali
tel. 06/87133093 - 06/87133080
Informativa privacy
powered By Diadema Sinergie