Home Associazione Links Contatti
     
Editoriale Dottrina Giurisprudenza Convegni Segnalazioni
Segnala questo articolo Versione Stampabile Scaricare File

Ordinanze di rimozione rifiuti - competenza del Sindaco - Codice della Strada

Consiglio di Stato, Sez. II, sentenza n. 6641/2021
Consiglio di Stato, Sez. II, sentenza del 28.09.2021, pubblicata il 5 ottobre 2021

La previsione, contenuta nell’art. 192 D. Lgs. n. 152/2006 (che ha riprodotto l’art. 14 D. Lgs. n. 22/1997) di un’espressa competenza del Sindaco ad emanare le ordinanze di rimozione dei rifiuti, deve essere univocamente interpretata - sulla base del criterio cronologico e di specialità - come una chiara volontà del legislatore di riservare all’organo politico la competenza all’adozione dei provvedimenti in materia, con espressa sottrazione degli stessi alla competenza generale del dirigente (conf.: Consiglio di Stato, Sez. V, n. 4230 del 6.09.2017; Consiglio di Stato, Sez. V, n. 4635 del 29.08.2012; Consiglio di Stato, Sez. V, n. 4061 del 25.08.2008).

Il rapporto tra l’art 14 del Codice della strada e l’art 192 del D. Lgs. n. 152/2006 non è di alterità e di reciproca esclusione bensì di integrazione, nel senso che - gravando sull’ente proprietario o concessionario un obbligo legale di buona manutenzione del tratto stradale - la violazione di tale obbligo è idonea a connotare in termini di colpa la condotta, integrando l’elemento soggettivo della fattispecie di responsabilità, prevista dall’art 192 D. Lgs. 152/2006.

(Nella fattispecie, il Responsabile del Settore di Polizia Municipale aveva ordinato alla Società ANAS, in qualità di gestore del tratto stradale sul quale insistevano alcuni rifiuti abbandonati da terzi, di rimuoverli. La Società aveva impugnato l’ordinanza e, successivamente, la sentenza di primo grado, deducendo – tra gli altri motivi di appello – l’incompetenza del Dirigente all’adozione dell’ordinanza di rimozione dei rifiuti e la distinzione tra le normative poste, rispettivamente, a disciplina della circolazione della strada e dell’ambiente. Il Consiglio di Stato ha ritenuto fondato il dedotto vizio di incompetenza dell’ordinanza ed ha affermato che la violazione dell’art. 14 D. Lgs. n. 285/92 (che impone obblighi di custodia e protezione) è idoneo a fondare il profilo soggettivo della colpa, richiesto per l’attivazione degli obblighi di cui all’art. 192 D. Lgs. n. 152/2006).



Segnala questo articolo Versione Stampabile Scaricare File

Associazione Giuristi Ambientali
tel. 06/87133093 - 06/87133080
Informativa privacy
powered By Diadema Sinergie