Home Associazione Links Contatti
     
Editoriale Dottrina Giurisprudenza Convegni Segnalazioni
Segnala questo articolo Versione Stampabile Scaricare File

Emergenza sanitaria e di igiene pubblica

Cassazione, n. 24022/11

Il controllo della Corte di Cassazione sulla motivazione della sentenza di non luogo a procedere ex art.606/1 lett.d) ed e) cpp., deve essere riferito alla prognosi sull'eventuale accertamento di responsabilità alla stregua dei risultati provvisoriamente offerti dagli atti di indagini, nonché delle prove irripetibili o assunte in incidente probatorio (ex multis Cass. Sez. V 3/2-19/3/2010 n.10811 Rv.246366). Il criterio di valutazione, al quale deve riferirsi il giudice dell'udienza preliminare non è l'innocenza dell'imputato, ma l'utilità o meno del dibattimento, anche in presenza di elementi contraddittori o insufficienti. Ne deriva che solo una prognosi di inutilità del dibattimento, relativa all'evoluzione, in senso favorevole all'accusa, del materiale probatorio raccolto - e non un giudizio prognostico in esito al quale il giudice pervenga ad una valutazione di innocenza dell'imputato - può condurre ad una sentenza di non luogo a procedere.

(Nella fattispecie, il Collegio ha rilevato come il giudice a quo non avesse fatto corretta applicazione dell'enunciato principi. Infatti, a prescindere dal segnalato errore nella formula assolutoria adottata, la prognosi negativa sull'eventuale accertamento di responsabilità a carico dell'imputato non ubbidiva ai criteri della logica e del diritto, laddove richiamava atti risalenti nel tempo, quali: una datata delibera consiliare di natura programmatica, varie ordinanze sindacali, recanti determinazione degli orari di apertura-chiusura dei pubblici esercizi e obbligo per gli esercenti di munirsi di "limitatore di potenza" ovvero ordinanze di cessazione immediata di attività abusive di intrattenimenti musicali, nonché diversi verbali di contravvenzione. Non era stato detto nulla circa la doverosa attività che al Sindaco, nella sua posizione di garante, dotato di poteri-doveri giuridici in materia di igiene e sanità pubbliche, competeva nel porre rimedio al fenomeno di inquinamento acustico o nel contrastarlo).


Segnala questo articolo Versione Stampabile Scaricare File

Associazione Giuristi Ambientali
tel. 06/87133093 - 06/87133080
Informativa privacy
powered By Diadema Sinergie